mercoledì 20 maggio 2009

Riproduzione dei mammiferi

La riproduzione dei mammiferi è sessuale: cioè l'unione di una cellula maschile (spermatozoo) e una cellula femminile (ovulo) che formano una nuova cellula (zigote) da cui nascerà il nuovo individuo.
la prima parte della riproduzione è:
  • IL CORTEGGIAMENTO:

Il corteggiamento è il primo passo per la riproduzione, a volte coinvolge i sensi dell'olfatto, udito e vista. Il maschio di solito ha caratteristiche diverse e caratteristiche, per attirare la femmina (è un caso di dimorfismo sessuale). Per esempio: il pavone, con le sue piume colorate attira la femmina, o alcuni animali producono degli odori per essere percepiti dal maschio facendogli capir che si stanno preparando per il periodo riproduttivo.

  • RIPRODUZIONE DEI MONOTREMI:

I monotremi sono un ordine molto piccolo, di cinque speci (ornitorinco e quattro tipi di ecnida), che si riproduce attraverso le uova, sono ovipari. Le uova si depongono dalla madre, ma alla schiusa, li allatta con le ghiandole mammarie, con il latte materno.

  • RIPRODUZIONE DEI MARSUPIALI:

I marsupiali, hanno una gestazione (periodo dei figli nel grembo della madre) molto breve. Infatti appena nati non sono ben formati e sono molto diversi dai genitori, cosi si arrampicano con i peli, fino al marsupio, una piega del ventre materno, (da questo deriva il nome dell'ordine). Li dentro completano il loro sviluppo e vengono allattati dalle ghindole mammarie all'interno del marsupio.

  • RIPRODUZIONE DEI PLACENTATI:

Il resto delle speci mammifere, sono placentati (di cui anche l'uomo): sono vivipari e il loro nome deriva dalla caratteristica della placenta, una particolare struttura, all'interno dell'utero e accanto al feto, (solo nel genere femminile). Essa serve per effettuare gli scambi di ossigeno e sostanze nutritive fra la madre e il suo futuro figlio. L'embrone (il figlio) è collegato alla placenta mediante il cordone ombelicare, ed è immerso in una soluzione salina, liquido amniotico; cosi risulta più protetto nel periodo delicato dello sviluppo dell'embrione.

21 commenti:

  1. sarebbe più bello se fosse più approfondito

    RispondiElimina
  2. ma siamo sicuri che è la femmina che si fa notare e poi che animale è quello che lo fa
    ma nn c'è scritto che i mammiferi sn ovipari e neanche se l'essere che nasce è prole atta 0 inetta

    RispondiElimina
  3. un gigantesco GRAZIE da: ANONIMO

    RispondiElimina
  4. secondo me questa pagina è molto dettagliata

    RispondiElimina
  5. In questa pagina ci sono MOLTI MOLTI MOLTI MOLTI MOLTI MOLTI MOLTI MOLTI MOLTI MOLTI MOLTI MOLTI MOLTI ERROR ORTOGRAFICI

    RispondiElimina
  6. Troppo in sintesi... approfondite di più.

    RispondiElimina
  7. Ke palle queste cose

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma poi te ne accorgerai con la crisi che c'è e tu non riuscirai a trovare lavoro perché non sei istruito

      Elimina
  8. molto interessante, più approfondito non ti spingerebbe a leggerlo :)

    RispondiElimina
  9. Nn si può fare più approfondito e specifico xk è un discorso interessante.....

    RispondiElimina
  10. molto bello e fatto bene, però .... il pavone non è un mammifero.... e i miei alunni ci sono cascati quasi tutti.
    una prof.

    RispondiElimina
  11. perfortuna c'è questo sito senno sarebbe difficile fare le ricerche! ma ovviamente modifico quello che copio, o comunque ci aggiungo qualcosa di mio.

    RispondiElimina